Logo geo.env
Chi siamo - Contatti - Prodotti e Marchi - Condizioni di vendita - Referenze - Home
- Ambiente
- Cartografia e Topografia
- Edilizia
- Escursionismo
- Geologia
- Geotecnica
- Libri
- Misurazioni forestali
- Sicurezza
- Software
- Geologia e Turismo
- Yellow Web Pages
- Web Resources
- Convegni e Corsi
- Lezioni di Geologia
- Pubblicità su Geo.Env
 
Lezioni di geologia:
Gli archi naturali

Indice Lezioni di Geologia



Gli archi naturali

ARCO: arco di pietra formato dall'erosione della roccia e non sovrastante un corso d'acqua.
 
Esempi di archi naturali: Arches Natural Park, Utah, USA
Delicate Arch

Delicate Arch - Arches National Park - Utah
Come si formano gli archi di questo parco:

Per rispondere a questa domanda occorre per prima cosa analizzare il processo evolutivo del Bacino salato dello Utah.

Evoluzione dell'anticlinale del Bacino Salato -Utah:

Spessi strati di sale sovrastano un'antica faglia. Sono ricoperti da centinaia di metri di rocce del Permiano e del Mesozoico. A causa del continuo movimento lungo la faglia, i sedimenti sopra di essi si assottigliano
Il peso delle rocce sovrastanti costringe il sale a risalire attraverso la frattura ossia l'area di minor sovraccarico inarcando e fratturando le rocce sedimentarie soprastanti. Il continuo movimento dell faglia accentua la piega.
La rimozione di parte del materiale salino ad opera delle acque causa il collasso della cresta anticlinale. Le rocce del Cretaceo e del Giurassico collassano a creare il fondovalle dove il gesso si presenta sotto forma di colline grigie.
Nella parte orientale dello Utah, al limite settentrionale dell'altopiano del Colorado, sono presenti formazioni costituite da rocce sedimentarie con stratificazione per lo più orizzontale, con blande pieghe anticlinali.
Nel Parco Nazionale di Arches, l'arenaria di colore corallo della "Entrada Formation" ha risposto al collasso di due di queste anticlinali fendendosi lungo spaccature verticali subparallele con direzione nord-ovest/ sud-est.
Tali spaccature si sono allargate a mano a mano che la pioggia e lo scioglimento delle nevi hanno dissolto il carbonato di calcio che forma il cemento delll'arenaria.
Lungo le fenditure si forma del suolo che favorisce lo sviluppo di piante accelerando il processo di dissolvimento a causa dei prodotti del loro metabolismo e del loro decadimento. Il gelo e il disgelo stragionali e gli altri agenti atmosferici contribuiscono ad allargare queste spaccature finché le rocce si presentano come alti e sottili setti.
Continuando l'erosione, alcune parti di questi setti si sgretolano più velocemente di altre formando delle cavità. Quando l'erosione intacca entrambi i lati del setto le rispettive cavità formatesi si ampliano fino a toccarsi e ad aprire una finestra o un arco. Va precisato che i ponti naturali vanno tenuti distinti dagli archi in quanto attraversano corsi d'acqua o alvei di antichi corsi d'acqua.
Il termine finestra viene utilizzato meno frequentemente e dovrebbe essere applicato per descrivere piccole aperture ben al di sopra del livello del terreno.
Con il continuo processo erosivo gli archi diventano sempre più sottili e fragili finché collassano e rovinano in cumuli di blocchi.
1996-2016© www.geoenv.it