Logo geo.env
Chi siamo - Contatti - Prodotti e Marchi - Condizioni di vendita - Referenze - Home
- Ambiente
- Cartografia e Topografia
- Edilizia
- Escursionismo
- Geologia
- Geotecnica
- Libri
- Misurazioni forestali
- Sicurezza
- Software
- Geologia e Turismo
- Yellow Web Pages
- Web Resources
- Convegni e Corsi
- Lezioni di Geologia
- Pubblicità su Geo.Env
 
bottone

Fish River Canyon
Naukluft N. Park
Augrebies Falls
Blyde River Canyon

Monument Geologia e turismo -> AFRICA -> Fish River Canyon
barra blu

Fish River Canyon - Namibia

Fish River Canyon
foto di Federica Elmi - 2013
L'area del Fish River canyon si innesta in un sistema di parchi e aree protette contigui, che vede a nord il Gondwana Canyon Nature Park (essenzialmente un gruppo di svariate riserve faunistiche private o semiprivate) e a sud il più vasto |Ai-|Ais Richtersveld Transfrontier Park, che abbraccia catene montuose ed impervie gole digradando verso il fiume Orange, il cui corso segna il confine con il Sudafrica. Ci troviamo pertanto nella parte sud occidentale della Namibia. L'intero sistema costituisce il primo esempio africano di parco transfrontaliero (non essendoci alcuna soluzione di continuità con il sudafricano Richtersveld National Park, esteso a sud del corso del già citato fiume Orange), risultato della collaborazione tra i due paesi sancito da un accordo siglato agli inizi degli anni Duemila. Una superficie complessiva di 6045 kmq nella terra dei Nama, il gruppo tribale autoctono, comprende paesaggi ed ecosistemi di una delle regioni più affascinanti dell'Africa meridionale; certamente un ambiente severo, brullo e desertico, ma entusasmante per le formazioni geologiche, le varietà paesaggistiche e i colori che cangiano nell'arco della giornata.


Dove si trova:

Nel Sud della Namibia, nella regione di confine con il Sud Africa ove il Fish River confluisce nell'Orange.


Fish River Canyon

Come si raggiunge:

Provenendo da Nord, in particolare dall'asse principale lungo la B1 (asfaltata), all'altezza di Grünau, svoltare a destra imboccando la C12 (sterrata) che attraverso massicci montuosi giunge ad un'ulteriore incrocio con la C37 (sterrata). Svoltare qui a sinistra sino al campo base di Hobas già all'interno del parco.
Provenendo da Sud, dalla già citata B1, si imbocchi la strada C10 (sterrata) in direzione di |Ai-|Ais (dove è, possibile alloggiare nel resort o in campeggio e dove si trovano fonti termali). Prima di |Ai-|Ais svoltare a destra sulla C37 (sterrata). Dopo circa 40 km si raggiunge la località di Hobas, porta di accesso al canyon, cuore di tutto il parco.


Cosa vedere:

Partendo da Hobas, è possibile raggiungere il bordo del canyon sino al belvedere principale e da esso, in opposte direzioni, percorrerne buona parte toccando vari punti panoramici. La pista è sterrata con fondo sovente sconnesso. Essendo inoltre privo di protezioni, si consiglia di procedere con molta cautela e prestare particolare attenzione ai propri bambini se vi accompagnano.


Dove alloggiare:

Nella zona le possibilità di alloggio sono piuttosto limitate.
All'interno dell'area protetta, in località Hobas, è presente un campeggio ove è possibile trovare un piccolo emporio di prima necessità
In alternativa, a circa 40 Km, in località |Ai-|Ais, zona sud del parco, si trova un resort con campeggio, bungalows, camere di hotel, un piccolo emporio e un ristorante oltre a numerose piscine d'acqua calda.
1996-2021© https://www.geoenv.it - P.IVA 02212841205 - Camera di Commercio di Bologna