Logo geo.env
Chi siamo - Contatti - Prodotti e Marchi - Condizioni di vendita - Referenze - Home
- Ambiente
- Cartografia e Topografia
- Edilizia
- Escursionismo
- Geologia
- Geotecnica
- Libri
- Misurazioni forestali
- Sicurezza
- Software
- Geologia e Turismo
- Yellow Web Pages
- Web Resources
- Convegni e Corsi
- Lezioni di Geologia
- Pubblicità su Geo.Env
 
bottone

Parco Abruzzo
Parco Majella
Corno alle Scale
Alpe Veglia
Abbadia di Fiastra
Vedrette di Ries
Gessi Bolognesi

Monument Geologia e Turismo -> Parchi Italiani -> Parco Alpe Veglia
barra verde
Parco Alpe Veglia



Istituito in due fasi, Alpe Veglia nel 1978 e Alpe di Devero nel 1990, il parco si trova all'estremo Nord del Piemonte, al confine con la Svizzera. Il territorio comprende la testata di una valle tributaria della Val Divedro, a sua volta confluente nella Val d'Ossola percorsa dal fiume Toce. Nasce per proteggere due antiche conche lacustri situate a circa 1700m di altezza, oggi occupate da pascoli. Nel territorio si innalzano a Sud il Monte Leone (3.552m - massima elevazione delle Alpi Lepontine, sotto il cui massiccio passa il Traforo del Sempione) e più a Nord il Pizzo d'Arbola (3.235m).

COME ARRIVARE: Il parco è raggiungibile percorrendo le autostrade A8 (Autostrada dei Laghi) oppure A26 (Autostrada dei trafori) fino a Gravellona Toce. Si prosegue sulla superstrada fino a Domodossola quindi, seguendo la Statale 33 direzione Passo del Sempione (Svizzera) tra gli abitati di Varzo e Iselle, si devia a destra fino alla località di San Domenico (1.400m). La strada asfaltata qui ha termine e si procede su una sterrata che si inoltra nel parco vero e proprio per circa 17 Km giungendo ai pianori in quota dell'Alpe Veglia.

TEMPO NECESSARIO: 8 ore circa
ALTITUDINE: 1.320m - 1.840m
DIFFICOLTA': media
PERIODO CONSIGLIATO PER LA VISITA: da giugno a ottobre.

ANIMALI RAPPRESENTATIVI DEL PARCO:
Aquila Reale
Marmotta
1996-2018© https://www.geoenv.it - P.IVA 02212841205 - Camera di Commercio di Bologna